Una novità prodotta e distribuita da Caseificio Timan: il Kefir - Caseificio Timan
657
post-template-default,single,single-post,postid-657,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Una novità prodotta e distribuita da Caseificio Timan: il Kefir

Una novità prodotta e distribuita da Caseificio Timan: il Kefir

Cos’è il Kefir? Il Kefir è una bevanda ricca di fermenti lattici, proprio perché ottenuta dalla fermentazione del latte. Originaria del Caucaso (regione situata tra Asia occidentale ed Europa), è molto popolare nel territorio russo.

Cenni storici:

Con il suo gusto fresco e deciso, il Kefir viene preparato utilizzando latte fresco di pecora, capra o vacca, e i suoi stessi granuli derivati dalla fermentazione di quest’ultimo. I granuli sono formati da un polisaccaride chiamato kefiran, un complesso idrosolubile prodotto da batteri e lieviti del kefir stesso.
La tradizione vuole che il latte venga posto in otri di pelle e lasciato fermentare; sostituito giornalmente con latte fresco, per un periodo di dieci settimane circa, produce i granuli di kefir utili alle successive fermentazioni.
La parola Kefir deriva dal turco Keyif, ovvero delizia.

Preparazione del Caseificio Timan:

A differenza di quanto descritto sopra, il Caseificio Timan segue un altro tipo di preparazione del Kefir. Viene utilizzato del latte fresco salentino, non pastorizzato, che prima viene portato a una temperatura molto alta (90° circa), e poi immediatamente riportato a una temperatura di circa 42°/43° e lasciato in fermentazione per un periodo di 15 ore. A tutto ciò viene aggiunto del kefiran, prima del periodo d’incubazione, necessario alla produzione del prodotto finale.
Una volta raggiunta la maturazione del Kefir, questo si porta alla temperatura di 4° per poi essere imbottigliato in recipienti di mezzo litro.

Come gustarlo?

Si consuma prevalentemente da solo, fresco o a temperatura ambiente, principalmente come bevanda. Viene comunque abbinato ad alimenti come miele e frutta fresca.
Se aperto e non immediatamente consumato, il Kefir può essere conservato in frigorifero per una settimana e non oltre.

Curiosità:

Considerato un latticino a tutti gli effetti, è una buona fonte di proteine ad alto valore biologico, calcio fosforo e vitamine. Idoneo alla maggior parte dei regimi alimentari, fatta eccezione per alcuni casi particolari come ad esempio l’intolleranza al lattosio, allergie alle proteine del latte e grave intolleranza all’istamina. Al contrario, risulta essere Innocuo per le persone affette da celiachia.
Infine, sembra che la flora probiotica del kefir sia identica a quella contenuta nel tubo digerente delle capre.

Se l’articolo ti ha incuriosito, e volessi assaggiare il Kefir, puoi trovarlo presso tutti i punti vendita del Caseificio Timan che garantisce la produzione artigianale di qualità.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.